Marcatori tumorali

marcatori tumorali sono sostanze che si possono trovare in quantità aumentate nel sangue, nelle urine o in altri campioni biologici, in presenza di alcune malattie neoplastiche.

Queste molecole possono essere:

  • Sintetizzate e rilasciate dalle cellule o dai tessuti tumorali;
  • Prodotte dall’organismo in risposta alla crescita neoplastica.
Shutterstock

Il dosaggio dei marcatori tumorali può essere utilizzato, insieme ad altri esami e procedure, per:

  • Rafforzare o confermare una diagnosi, in presenza di disturbi che facciano sospettare una malattia neoplastica;
  • Seguire l’andamento clinico di un tumore, verificando l’efficacia della terapia;
  • Predire le recidive, cioè la ripresa della malattia, dopo una fase di remissione.

Quest’indicatori possono risultare positivi per ragioni diverse dal cancro e, viceversa, è possibile avere una neoplasia senza che il corrispondente marcatore risulti elevato. Va sottolineato, inoltre, che non si può associare in maniera univoca ed assoluta un marcatore ad un tipo di tumore, poiché l’alterazione dei valori potrebbe dipendere da malattie benigne e da altre condizioni dell’organismo.